Ottobre, mese pieno di noi

Le cose si muovono e non più tanto lentamente. Se prima erano tutti pensieri relegati solo nelle nostre menti, adesso è tutto reale e tangibile. La settimana scorsa abbiamo fatto la nostra prima videoconferenza con la dottoressa spagnola che ci segue. Innanzitutto è stata squisita. L’impatto emotivo e soprattutto empatico è stato assolutamente positivo. Lei ci è piaciuta tanto, sembra molto preparata e disponibile. E soprattutto ha un viso molto dolce e rassicurante.

Abbiamo parlato di tutti gli esami da fare (che sono davvero tantissimi) e ha risposto alle nostre innumerevoli domande. Abbiamo affrontato diversi argomenti, soprattutto medici (come era prevedibile).

Il mese di ottobre sarà dedicato a fare tutte queste analisi. Io e la tua mamma-bis abbiamo deciso di raggruppare più esami possibili nello stesso giorno e così se tutto dovesse andar bene e senza intoppi, riusciremo a far tutto in soli tre giorni (naturalmente sparsi nel mese).

Con la dottoressa abbiamo poi concordato il periodo in cui fare il nostro primo tentativo. Vista la mia giovane età (31 anni), abbiamo di comune accordo optato per la semplice inseminazione artificiale. Questa è la possibilità più semplice e naturale. Le possibilità di riuscita sono abbastanza basse (25% circa per un tentativo). La nostra intenzione è quella di alzare questa percentuale facendo una leggera stimolazione, in modo da portare questa percentuale da 25% a 35% per singolo tentativo. Il periodo scelto è il mese di gennaio. La tua mamma-bis sarà già uscita dal periodo infernale sul lavoro (tutto il periodo natalizio) e io dovrei aver terminato la dieta, finito gli esami ed essere pronta.

Non vediamo l’ora che tu sia tra noi. Entrambe siamo eccitate all’idea che tu possa entrare nella nostra famiglia, che finalmente tu venga al mondo e che le tue mamme possano coronare il loro sogno di averti tra le braccia. Ormai tutte le nostre giornate, i nostri sforzi, le nostre decisioni dono proiettate a quando tu sarai tra noi.

E poi, come sai, ci sono altre due importanti battaglie che sto combattendo e, al momento, ne sto uscendo vincitrice. La prima battaglia è quella con l’Università. Ebbene dopo l’ultimo esame del 9 settembre, ho iniziato la tesi che ho finito proprio oggi a tempo di record. Se tutto va come dovrebbe, a fine novembre sarà laureata. La seconda battaglia è quella con la bilancia. Al momento ho perso oltre 23 chili e mancano solo gli ultimi 6,5 kg. Su entrambi i fronti gli obiettivi prefissati sono ormai a pochi passi da me. Vedi, amore mio, quanto una fortissima motivazione può servire a smuovere anche le montagne?

Oggi sento ti concludere questo articolo finalmente dicendoti: A presto.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.